I cubi Infinity alla Bit 2019 grazie a MORANDI tour

l'azienda varesina specializzata nell'incoming ha scelto di disinfettare i propri mezzi con i nostri cubi

infinity alla bit

Negli spazi di Milano Fiera si è tenuta la Borsa Internazionale del Turismo, più conosciuta con il semplice acronimo di G, ovvero la fiera del turismo più importante in Italia.

Allo stand di Morandi Tour, tra i depliant degli incoming e le immagini degli autobus disponibili presso il tour operator varesino, fanno bella mostra i cubi infinity per la disinfezione.

E’ La Signora Stefania Morandi che con un entusiasmo contagioso ci spiega il perché nel suo stand ci siano i Cubi che normalmente troviamo a corredo delle sale operatorie o dei locali sterili di ospedali ed aziende del comparto alimentare.

“Morandi era un touroperator quando ancora si viaggiava con cavalli e carrozze, poi sono arrivati gli autobus ... (www.moranditour.it/) e noi, che abbiamo sempre ricorso le innovazione della tecnologia per offrire ogni volta il meglio, semplicemente, abbiamo voluto offrire alla nostra clientela anche questa novità, ovvero la disinfezione, ed il riscontro che stiamo avendo è decisamente interessante.”

“Offrire un viaggio in Italia ad una clientela straniera, esigente ed abituata a standard molto elevati, richiede qualcosa di più che un semplice autobus di lusso, e da noi potete trovare veramente tutto quanto la tecnologia e l’innovazione propongono. E siamo anche i primi ad offrire ambienti di viaggio perfettamente disinfettati con la tecnologia Infinity al perossido di idrogeno.”

Interessante è il fatto che Morandi Tour abbia scelto un disabile come testimonial; infatti è Alberto Torregiani, ragazzo costretto in sedia a rotelle dopo una storia decisamente toccante, a testimoniare l’attenzione della azienda varesina nei confronti dei portatori di handicap, che possono fruire di tutte le comodità nel viaggiare come se la loro condizione fosse semplicemente la normalità della vita.

Alberto Torregiani fu gravemente ferito nel 1979 durante una rapina alla gioielleria di famiglia, nella quale le Brigate Rosse uccisero il padre. Furono le ferite riportate a costringere Alberto a convivere con la sedia a rotelle.

Per Infinity, il fatto di potere associare il suo nome a quello di un tour operator così attento a questioni importanti come quella della disabilità, è vanto ed orgoglio. Un ringraziamento speciale va, per questo, a Maurizio Gandini, capace di portare il cubo di Facchini alla signora Stefania Morandi prima ed alla Bit poi.

Pubblicata il: 13/02/2019
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +