Presentazione Tossicologo Ambientale

una nuova figura professionale ed un corso per formarla

Sabato 9 giugno a Darfo Boario Terme si è tenuto un convegno nella sala Enrico Mattei dell’Excelsior Palace, nel quale sono stati presentati sia la nuova figura professionale del tossicologo ambientale, sia il corso di formazione organizzato dalla scuola di formazione Saint George Campus, che si terrà a partire dal prossimo autunno e si propone di produrre i primi tossicologi qualificati italiani. Il corso è organizzato con la collaborazione dell’ azienda piacentina Infinity Biotech impegnata nella ricerca e nella produzione di soluzioni per la disinfezione.


Chi è il tossicologo ambientale?

Il tossicologo ambientale è una nuova figura professionale introdotta dalle normative europee.

Tale figura professionale non sostituisce qualifiche professionali di lauree quali quelle derivanti dalla qualifica di chimico o dottore in medicina o esperto laureato.

Al contrario, il tossicologo ambientale è un professionista specializzato in problematiche legate alla tossicità dell’ambiente.

Esegue controlli chimici tossicologici, microbiologici per la tutela dell’ambiente industriale ( acqua, aria, suolo) e della salute.

Esegue analisi chimiche, microbiologiche ed eco - tossicologiche su ambiente e atmosfera (acque, rifiuti, suoli e rocce da scavo, terreni, aria). Svolge il monitoraggio delle acque, dell’aria, del suolo, degli alimenti, per rilevare eventuali sostanze contaminanti. Pianifica gli interventi di prevenzione ed educazione per la salute della popolazione in relazione agli aspetti tossicologici derivanti dall’inquinamento chimico e biologico.

In quali ambiti lavora?

Può operare presso:

- Centri di studio e di rilevazione tossicologica e ambientale;

- Enti preposti alla elaborazione di normative tecniche o alla certificazione di qualità;

- Strutture del Sistema Sanitario Nazionale;

- Industrie chimico - farmaceutiche, alimentari, cosmetiche, etc.;

- Università ed altri Enti di Ricerca pubblici e privati.

 Qual è la sua collocazione organizzativa, all’interno della struttura presso cui lavora?

Svolge la propria attività in strutture pubbliche o private, all’interno di un laboratorio di ricerca e progettazione.

Se lavora in un laboratorio che offre servizi per le aziende, opera sotto le direttive del chimico responsabile del settore.

Può operare all’interno del Servizio Qualità o alle dirette dipendenze del Direttore di Produzione.

Collabora con i Servizi di Qualità del prodotto e del processo, con i tecnici ambientali.

Perchè la figura professionale del tossicologo ambientale?

La figura professionale del tossicologo ambientale nasce su sollecitazione di istituzioni di ricerca e organizzazioni mediche tra cui l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che prevedono un netto incremento della mortalità legata alla diffusione dei batteri antibiotico resistenti.

L’esigenza di tale figura è legata anche al fatto che la ricerca in campo medico va concentrandosi prevalentemente su patologie croniche che rappresentano una fonte di reddito più consistente rispetto alle patologie acute, ovvero quelle normalmente curate con antibiotici.

Questo significa che la ricerca per lo sviluppo di molecole efficaci nella cura delle infezioni batteriche è poco praticata, anche a causa del costo molto alto per questo ambito, che produce risultati solo transitori.

Di conseguenza gli antibiotici, che esistono da 7 decenni, vennero e sono ancora preferiti e usati in maniera massiccia, e questo ha portato allo sviluppo di forme batteriche resistenti ad essi.

Ancora, l’uso intensivo di antibiotici che è stato ed è ancora fatto in zootecnia avviene talvolta contro le leggi e contro la logica (che imporrebbe parsimonia nell’uso) e ha portato a conseguenze disastrose.

Pertanto, oggi l’unico efficace sistema per combattere i batteri anticibiotico resistenti è sterminarli alla radice: ossia disinfettare i luoghi a rischio, come formula preventiva.

Come si diventa tossicologo ambientale?

Per ottenere la qualifica è necessario seguire un preciso percorso formativo.

Il St. George Campus, che è una scuola di formazione riconosciuta a livello europeo, ha organizzato un corso di 1500 ore al termine del quale arriverà a rilasciare un titolo riconosciuto a livello comunitario di tossicologo ambientale.

Il titolo rilasciato rientra nel quadro europeo delle qualifiche (in inglese European Qualifications Framework, abbreviato con EQF), un sistema che permette di confrontare le qualifiche professionali dei cittadini di paesi europei.

Per “qualifica” si intende una certificazione formale rilasciata da un’autorità competente a conclusione di un percorso di formazione.

L’EQF permette di valutare in modo univoco il livello di approfondimento della conoscenze, delle competenze e delle abilità  raggiunto in un determinato ambito, sulla base di un indice che varia da 1 a 8.

La qualifica di tossico ambientale ha un EQF di livello 6.

Come è organizzato il corso (durata, ore, attività)?

Il corso ha durata biennale, si articola in 1500 ore, così ripartite:

- 265 ore di laboratorio

- 200 ore di tirocinio

- 265 ore di esercitazioni

- 770 ore di teoria

E’ previsto un esame finale, per accedere al quale, è richiesta agli studenti una frequenza pari almeno al 75% della durata di ciascun insegnamento in presenza.

A seguito del sostenimento dell’esame finale e della discussione della tesina, agli studenti sarà rilasciato il certificato di competenze europeo.

 

Direttore del corso: Prof. Marcello Lofrano

Responsabile scientifico del corso: Prof. Roberto Facchini

Responsabile organizzativo: Prof. Massimo Radaelli

Qual è il programma didattico del corso?

Il corso prevede il raggiungimento delle competenze professionali nelle seguenti materie:

chimica inorganica, chimica organica, chimica analitica, chimica farmaceutica e tossicologica, fotochimica, biochimica, biologia generale, biologia molecolare, anatomia umana, fisiologia generale, patologia generale, microbiologia generale, infettivologia, aerobiologia e infezioni aerotrasmesse, idrologia, ecologia, tossicologia, disinfezione.

Quali sono i requisiti di ammissione?

Per l’iscrizione al corso di “TOSSICOLOGO AMBIENTALE” è richiesto il possesso del diploma quinquennale della scuola secondaria superiore o titoli equipollenti per studenti stranieri, previa valutazione di una Commissione Esaminatrice.

Quando inizieranno i corsi?

I corsi inizieranno il 20 settembre 2018.

Come si può iscriversi e dove trovare altre informazioni?

Per presentare la domanda di iscrizione si dovrà scaricare un apposito modello dal sito www.stgcampus.it.

Per ulteriori informazioni:

e-mail: info@stgcampus.it

St. George Campus - via Cimavilla, 11 - Darfo B. T. (BS)

Tel. 0364 536046

Pubblicata il: 11/06/2018
Pagine Correlate
powered by Infonet Srl Piacenza
- A +